Gilbert Keith Chesterton

 

Gilbert Keith Chesterton nasce a Londra il 29 maggio 1874; la sua è una agiata famiglia di confessione anglicana. Il padre Edward Chesterton è un originale agente immobiliare che lavora in società con il fratello; la madre Marie-Louise Grosjean, è figlia di un predicatore laico calvinista svizzero e di una donna scozzese: sarà proprio la nonna materna a far conoscere al nipotino Gilbert il magico mondo delle fiabe, a cui il futuro scrittore rimarrà molto legato.

Chesterton manifesta fin da giovane un forte spirito d’indipendenza: studente alla Slade School of Art, dapprima si fa conoscere come critico d’arte e come critico letterario, poi inizia a scrivere articoli polemici nei quali, con uno stile brillante e pieno di humour, attacca tutto ciò che stima essere un errore dei tempi moderni.

Gilbert Keith Chesterton nasce a Londra il 29 maggio 1874; la sua è una agiata famiglia di confessione anglicana. Il padre Edward Chesterton è un originale agente immobiliare che lavora in società con il fratello; la madre Marie-Louise Grosjean, è figlia di un predicatore laico calvinista svizzero e di una donna scozzese: sarà proprio la nonna materna a far conoscere al nipotino Gilbert il magico mondo delle fiabe, a cui il futuro scrittore rimarrà molto legato.

Chesterton manifesta fin da giovane un forte spirito d’indipendenza: studente alla Slade School of Art, dapprima si fa conoscere come critico d’arte e come critico letterario, poi inizia a scrivere articoli polemici nei quali, con uno stile brillante e pieno di humour, attacca tutto ciò che stima essere un errore dei tempi moderni.

A vent’anni, complici l’insuccesso universitario, l’allontanamento dai rapporti di amicizia del periodo scolastico e l’insorgere di tante domande sulla vita, viene colpito da una grave forma di depressione e da una crisi di scetticismo nei confronti della fede, tanto da avvicinarsi allo spiritismo.
Superata questa grave crisi, anche con l’aiuto delle letture – in particolare del Libro di Giobbe – avviene in lui una vera e propria rinascita.
Nel 1895 Chesterton inizia a lavorare per l’editore londinese Redway e per T. Fisher Unwin. Molti suoi lavori vengono pubblicati in diversi giornali.
Nel 1900 scrive la sua prima raccolta di poesie, “The Wild Knight”, a cui seguiranno articoli di critica letteraria sullo Speaker e sul Daily News. Nel 1901 si unisce in matrimonio con Frances Blogg. Nel 1909 si trasferisce con la moglie a Beaconsfield dove vivrà fino alla morte.

Dopo lo scoppio della prima guerra mondiale Chesterton fonda con lo scrittore Hilaire Belloc la “Lega distributista”, con lo scopo di aiutare lo sviluppo della piccola proprietà e della piccola industria mediante la divisione e la ridistribuzione delle grandi proprietà latifondiste. Chesterton e Belloc furono molto amici, tanto che George Bernard Shaw avrebbe coniato il termine “Chesterbelloc” per indicare il loro sodalizio letterario e di amicizia.

Nel 1922 Chesterton si converte al cattolicesimo – atto conclusivo di una lenta crisi religiosa, iniziata quindici anni prima – grazie all’amicizia di padre John O’Connor (il sacerdote irlandese che gli ispirerà il personaggio di Padre Brown) e di Hilaire Belloc. Viene battezzato da padre Vincent McNabb, frate domenicano, anche lui fervente distributista ed irlandese come padre O’Connor.
Nel 1934, dopo aver ricevuto diverse lauree honoris causa dalle università di Edimburgo, Dublino e di Notre Dame, gli viene conferito il titolo di cavaliere dell’Ordine di San Gregorio Magno.
Nella sua attività di scrittore Chesterton oppone al razionalismo e all’esaltazione delle scienze il buon senso e la fede, e oppone all’aridità della civiltà industriale e capitalista l’ideale sociale del medioevo. Queste convinzioni lo portano a condannare la posizione dell’Inghilterra in occasione della guerra dei Boeri e a opporsi all’imperialismo di Kipling, ma anche a schierarsi violentemente nel 1914 contro la Germania luterana.
Il gran numero di opere da lui scritte affrontano vari generi, dai romanzi ai racconti, dalle poesie alle biografie (tra cui una su Charles Dickens), fino alle opere teatrali.

Amante del paradosso e della polemica, della ricca produzione di Chesterton fanno parte opere polemiche come: “Eretici” (1905), “Ortodossia” (1908), “Che cosa va male nel mondo” (1910); un opera di stampo storico e volumtamente tendenziosa sono “I crimini dell’Inghilterra” (1915); tra i saggi di ispirazione cattolica ricordiamo “San Francesco d’Assisi” (1923), “L’uomo che chiamiamo il Cristo” (1927), “San Tommaso d’Aquino” (1933).

I suoi romanzi testimoniano invece un’immaginazione vivace, paradossale e talora stravagante: “Il Napoleone di Notting Hill” (1904), “L’uomo che fu giovedì” (1908), “Le avventure di un uomo” vivo (1912). Celebre è la ricca serie di racconti polizieschi che hanno per protagonista padre Brown.

Alto circa centonovanta centimentri per oltre centotrenta chilogrammi, Chesterton in trent’anni di attività ha scritto quasi cento libri e un numero difficilmente calcolabile di articoli, partecipando a numerose dispute con altri grandi letterati, tra i quali H. G. Wells e George Bernard Shaw.

Amò molto l’Italia, dove si è recato più volte; qui trovò presto un pubblico affezionato, grazie anche alle prime traduzioni delle sue opere come “Le avventure di un uomo vivo” e la serie di Padre Brown. A lanciarlo in Italia fu il giornalista e critico Emilio Cecchi, che pubblicò alcuni articoli di Chesterton nella rivista “La Ronda”, traducendolo e intervistandolo. Alcuni articoli dell’inglese furono anche pubblicati su “Il Frontespizio”, e fu recensito da Giovanni Battista Montini, futuro Papa Paolo VI. In uno dei suoi viaggi in Italia Chesterton ebbe anche modo di intervistare Benito Mussolini.

Tra le varie influenze che l’opera di Chesterton ha avuto ricordiamo come “L’Uomo Eterno” contribuì alla conversione di Clive Staples Lewis al cristianesimo; “Il Napoleone di Notting Hill” ispirò Michael Collins a condurre gli irlandesi alla vittoria contro il dominio inglese; un suo saggio apparso sull’Illustrated London News ispirò Mohandas Gandhi a guidare il movimento che avrebbe messo fine al dominio coloniale britannico in India.

Jorge Luis Borges ebbe modo di dire su Chesterton: “La letteratura è una delle forme della felicità; forse nessuno scrittore mi ha dato tante ore felici come Chesterton”.
Gilbert Keith Chesterton muore il 14 giugno 1936. Dopo il funerale, svoltosi nella cattedrale di Westminster e fu officiato da monsignor Ronald Knox – anch’egli convertito al cattolicesimo e scrittore di gialli – la salma di Chesterton è stata sepolta nel cimitero cattolico di Beaconsfield, dove ancora oggi riposa.

Bibliografia

L’innocenza di Padre Brown (The innocence of Father Brown, 1911)

  •  La croce azzurra (The blue cross)
  •  Il giardino segreto (The secret garden)
  •  Gli strani passi (The queer feet)
  •  Le Stelle Volanti (The Flying Stars)
  •  L’uomo invisibile (The invisible man)
  •  L’onore di Israel Gow (The honour of Israel Gow)
  •  La forma errata (The wrong shape)
  •  I peccati del principe Saradine (The sins of prince Saradine)
  •  Il martello di Dio (The hammer of God)
  •  L’occhio di Apollo (The eye of Apollo)
  •  All’Insegna della Spada Spezzata (The Sign of the Broken Sword)
  •  I tre strumenti di morte (The three tools of death)

La saggezza di Padre Brown (The wisdom of Father Brown 1914)

  •  L’assenza del signor Glass (The absence of mr. Glass)
  •  Il Paradiso dei Ladri (The Paradise of Thieves)
  •  Il duello del dottor Hirsch (The duel of dr. Hirsch)
  •  L’uomo nel vicolo (The man in the passage)
  •  L’errore della macchina (The mistake of the machine)
  •  La testa di Cesare (The head of Caesar)
  •  La parrucca violacea (The purple wig)
  •  La morte dei Pendragon (The perishing of the Pendragons)
  •  Il dio dei gong (The god of the gongs)
  •  L’insalata del colonnello Cray (The salad of colonel Cray)
  •  Lo strano delitto di John Boulnois (The strange crime of John Boulnois)
  •  La favola di Padre Brown (The fairy tale of Father Brown)

L’incredulità di Padre Brown (The incredulity of Father Brown, 1926)

  •  La resurrezione di Padre Brown (The resurrection of Father Brown)
  •  La freccia del destino (The arrow of even)
  •  L’oracolo del cane (The oracle of the dog)
  •  Il miracolo della Mezzaluna (The miracle of Moon Crescent)
  •  La maledizione della croce d’oro (The curse of the golden cross)
  •  Il pugnale alato (The dagger with wings)
  •  La maledizione dei Darnaway (The doom of the Darnaways)
  •  Lo spettro di Gideon Wise (The ghost of Gideon Wise)

Il segreto di Padre Brown (The secret of Father Brown, 1927)

  •  Il segreto di Padre Brown (The secret of Father Brown)
  •  Lo specchio del magistrato (The mirror of the magistrate)
  •  L’uomo con due barbe (The man with two beards)
  •  La canzone dei pesci volanti (The song of the flying fish)
  •  L’attore e l’alibi (The actor and the alibi)
  •  La sparizione di Vaudrey (The vanishing of Vaudrey)
  •  Il peggior crimine del mondo (The worst crime in the world)
  •  La Luna Rossa di Meru (The Red Moon of Meru)
  •  Il luttuoso signore di Marne (The chief mourner of Marne)
  •  Il segreto di Flambeau (The secret of Flambeau)

Lo scandalo di Padre Brown (The scandal of Father Brown, 1935)

  •  Lo scandalo di Padre Brown (The scandal of Father Brown)
  •  Lo Svelto (The Quick One)
  •  La maledizione del libro (The blast of the book)
  •  L’Uomo Verde (The Green Man)
  •  L’inseguimento del signor Blue (The pursuit of mr. Blue)
  •  Il crimine del comunista (The crime of the communist)
  •  La punta di uno spillo (The point of a pin)
  •  Il problema insolubile (The insoluble problem)
  •  Il vampiro del villaggio (The vampire of the village)

 

Ha detto…

 

Quando la nostra società vuole catalogare i libri di una biblioteca, scoprire il sistema solare, o altre minuzie del genere, si serve dei suoi specialisti. Ma quando vuol fare qualcosa di veramente serio riunisce 12 uomini comuni. Se ben ricordo, il Fondatore del Cristianesimo fece lo stesso.

L’ideale cristiano non è stato messo alla prova e trovato manchevole: è stato giudicato difficile, e non ci si è mai provati ad applicarlo.

Tutta la differenza fra costruzione e creazione è esattamente questa: una cosa costruita si può amare solo dopo che è stata costruita; ma una cosa creata si ama prima che esista.

E’ l’odio che unisce gli esseri umani, mentre l’amore è sempre individuale.

La dignità dell’artista sta nel suo dovere di tener vivo il senso di meraviglia nel mondo.

La donna media è a capo di qualcosa di cui può fare ciò che vuole; l’uomo medio deve obbedire agli ordini e nient’altro.

Gilbert Keith Chestertonultima modifica: 2014-06-25T23:26:44+00:00da kit-ty