Tagged with " amore"

DELUSIONE

L’autonomia psichica è quella bella forma di libertà che ci consente di raggiungere il famoso “centro di gravità permanente” di cui tanto parlano di antroposofi.
Essere autonomi psichicamente significa soprattutto non basare il proprio sentire su quello dell’altro… significa avere ben chiaro quali sono i nostri e gli altrui limiti.

Non dovremmo mai lasciarci deludere da niente e da nessuno, ma dobbiamo anche ammettere che siamo esseri umani, quindi fragili e incompleti fino a quando non riconosciamo la nostra totale dipendenza da ciò che gli altri pensano di noi. Fino a quando rimaniamo “chiusi” in un sistema psichico che ci vuole figli o genitori, ricchi o poveri, belli o brutti, utili o inutili, buoni o cattivi, fino a quando cioè il nostro sistema psichico si baserà sulla dualità e sul giudizio inevitabile che ne deriva… non riusciremo ad evitare la delusione.

Il “centro di gravità permanente” rappresenta uno scoglio ben fermo nel mezzo del mare in tempesta. Mentre gran parte delle persone cerca questo scoglio in un altro-da-se, c’è però una minoranza che sfortunatamente (o fortunatamente) decide di dedicare tutta la vita alla ricerca dell’autonomia interiore, del famoso (ma esiste veramente?) “centro di gravità permanente”.

Sembra una banalità (da anni si sente dire che) ma affermare che “per essere sereni non bisogna aspettarsi nulla da nessuno” è forse una delle poche cose sagge da dire. Questo non significa – secondo me – che è sbagliato avere stima e fiducia nell’altro, ma semplicemente riconoscere che anche l’altro è esattamente come noi, quindi anche l’altro ha bisogno di trovare in noi un appoggio, una guida, qualcuno che non lo deluda. Personalmente, credo che l’amore e l’amicizia nascano fra due persone i cui rispettivi bisogni si incastrano perfettamente gli uni con gli altri. Ma dato che i bisogni mutano nel tempo, come mutano le persone in base alle esperienze che fanno, ecco che gli equilibri facilmente si spezzano e due persone che fino a poco tempo prima si amavano e si stimavano si trovano pian piano a farsi la guerra, senza neanche sapere perchè. In fondo – credo – la delusione non sta nello scoprire che l’altro ci è infedele (nelle idee come nelle promesse) ma nello scoprire che l’altro non è quello che pensavamo fosse. Non è lo scoglio che speravamo ci sostenesse durante la tempesta. Ancora una volta abbiamo cercato rifugio non nella parte più profonda di noi, quella dove brilla la Lux Divinae, ma nel bisogno che noi abbiamo dell’altro.

Può una parola deluderci? Non credo.

Non è una singola parola, detta magari senza riflettere e senza dolo, a deluderci… spesso prendiamo una parola a pretesto, cerchiamo il pelo nell’uovo per liberarci di un legame che non ci soddisfa più. Non soddisfa più il nostro bisogno egoico di specchiarci nell’altro.
E per rispondere alla tua domanda, se sia giusto aspettarsi qualcosa dall’altro… io credo sia sbagliato solo se non si è partecipato l’altro delle nostre aspettative… cioè se facciamo progetti che includono l’altra persona a sua insaputa. Se rimaniamo delusi è un nostro problema…

Mag 7, 2009 - Sentimenti    1 Comment

Nonna, cos’è l’amore?

 

 

Cos’è l’amore? chiese un giorno

una giovane ragazza alla sua nonna.

La nonna smise la lettura, si tolse gli occhiali dal naso

e dopo qualche istante di riflessione disse:

Cara, hai presente una bellissima festa?

Si! rispose entusiasta la ragazza.

Hai presente il batticuore che ti prende quando

un bel ragazzo si avvicina per invitarti a ballare?

Siiii!!! rispose la ragazza, con le stelline negli occhi…

Hai presente l’euforia che ti dà un bicchiere di spumante?

Ed il gusto speciale di una torta farcita di creme?

Si, si, si!!! rispose ridendo la ragazza…

Nonna, l’amore è tutto questo allora?

La vecchia prese la mano della ragazza,

la guardò negli occhi con infinita tenerezza e rispose:

Mia cara… l’amore… è ciò che resta quando finisce la festa.

 

Gen 23, 2009 - Poesia e prosa    1 Comment

Lasciami la possibilità d’amare

 

http://dl8.glitter-graphics.net/pub/665/665768q292gcn41l.jpg

 

Chiudimi in una stanza e butta via la chiave!
Mi sentirai cantare ogni giorno con voce soave,
beandomi di un raggio di sole peregrino…
Toglimi pure il cibo,
l’acqua e l’aria… lasciami al freddo
al buio… toglimi anche la speranza!
Ogni giorno avrò per te un sorriso, una parola
ed una benedizione…
Ma ti prego… ti prego…
non togliermi la possibilità
di amare, non negarmelo…
Perchè non c’è solitudine peggiore di quella del cuore.

Sull’Amore (ancora e sempre…)

L’Amore 

L’amore ha molte sfaccettature e si presenta sotto molti aspetti… all’inizio ci viene incontro o come un cavaliere al galoppo, che ci travolge con la sua potenza, oppure pian pianino, senza che ce ne accorgiamo, come un’ombra, per poi crescere nel tempo…

Una volta superate tutte le prove, se siamo riusciti a sopravvivere nel frattempo all’altalena di emozioni che questo comporta, riusciamo a vedere qualcosa nella nebbia… non so se siete mai stati al lago con la nebbia, quella fitta, quella che non solo non vi permette di vedere ad un palmo dal naso ma crea tale suggestione da convincervi che si muovono strane figure dall’altra parte… ecco, l’Amore può arrivare anche a questo… questa è una delle prove… sconfiggere i fantasmi nella nebbia.Se riusciamo a superare le prove che la Maga ci propina, possiamo arrivare persino a vedere il volto angelico dell’Amore, quello che tutto crea, che tutto accetta… l’Amore oblativo… ma dobbiamo superarne molte di prove. E spesso il tempo durante il quale “lo zingaro” si ferma presso di noi non è sufficiente a permetterci di conoscere anche questo tipo di amore.In quel caso, comincia la trasformazione. Da cavaliere possente o da ombra persistente diventa prima una maga, nè buona nè cattiva, che ci incatena con i suoi sortilegi. Prima ci fa apparire scenari improbabili, paesaggi lunari e sfolgoranti, dove i colori si succedono con una sconcertante energia. In certi momenti la maga si assopisce ed ecco che appare il paesaggio “terreno”, quello che lascia intravedere luci ma anche ombre, gioie ma anche dolori. Per poi tornare a sfolgorare ed a travolgerci.Come diceva una vecchia canzone, “L’amore è uno zingaro e va…”… nulla di più vero.. qualche volta, però, l’amore si stanca di girovagare e decide di fermarsi per un po’… a nessuno è dato sapere per quanto. Ma si ferma.

Se riusciamo, quindi, ad attendere pazientemente che la nebbia scompaia… beh, ai nostri occhi si apriranno paesaggi di paradiso. Figure fantastiche, alate e angeliche, ci condurranno verso mete insperate. Ci coglierà la consapevolezza (attenzione, non la certezza che spesso è errata ma la consapevolezza) che ciò che ci avvolge è AMORE, ed è eterno. Non la sua manifestazione, non l’inevitabile vantaggio psicologico di essere e sentirsi amati, ma a la sensazione di vivere qualcosa al di là dello spazio e del tempo.

Io non credo che l’Amore sia la capacità di mantenere viva la passione – anche se la passione è un elemento importante – quanto piuttosto la consapevolezza (appunto) di aver superato molte prove insieme e di averle vinte. Sia che siamo amici o siamo coniugi o una coppia qualsiasi l’Amore non deve mai mancare perchè il nostro rapporto sia significativo. Diversamente credo sia solo un incontro di singoli e come tale destinato a non lasciare nulla se non – forse – la sensazione di aver vissuto qualcosa di gradevole.

 

Ago 4, 2008 - Senza categoria    2 Comments

La frase del giorno …

 
 
 
 
 
 
 
 
“Amare è soffrire. Se non si vuol soffrire non si deve amare. Però allora si soffre di non amare, pertanto amare è soffrire, non amare è soffrire e soffrire è soffrire. Essere felici è amare, allora essere felici è soffrire, ma soffrire ci rende infelici, pertanto per essere infelici si deve amare o amare e soffrire o soffrire per troppa felicità… io spero che TU stia prendendo appunti…”
 
 
 
(da Amore e Guerra
di Woody Allen)

Lug 18, 2008 - Pensieri e riflessioni    3 Comments

Amici

Image hosting by Photobucket


L’Amicizia è l’unico sentimento in grado
di alleggerire le durezze
della vita…
Gli amanti si trovano e
restano insieme fino a che
i sensi sono complici, poi
si perdono – forse – per sempre.
Gli amici si comprendono
guardandosi negli occhi
e – forse – restano insieme
per sempre.
Lug 18, 2008 - Poesia e prosa    No Comments

Canto d’Amore

 

 

 Ti sento dietro di me
dietro le mie scapole,
come un sostegno silenzioso
immobile…
Ci sei, sei sempre qui
quando i miei occhi si riempiono
di lacrime,
non permetti al mio dolore
di soffocare il mio Spirito.
Quando l’ira si affaccia
al mio cuore
la scacci da me,
lasciando solo un respiro di pace.
Oh, Caro Angelo! Caro il
mio Grande Eterno Compagno!!
Cosa sarebbe
la mia povera, piccola esistenza
senza il Tuo Abbraccio?
Vagherei come morta
per le strade deserte
di un amore confinato nel mio Io,
senza poter parlare di Anima,
strappando ad altri
un sogghigno di derisione…
Ma Tu (Tu!!) mi tieni la mano
e le Tue parole fluiscono
come acqua nel deserto…
Aspettiamo insieme
che il rovo fiorisca
e le Rose di Francesco
invadano le strade del mondo.

 

Lug 11, 2008 - Ambiente e Natura, Sociale    1 Comment

Razzismo? No grazie =^_^=

b086653cd3186a2a2b226ad864fa3dd0.jpg

 
 
E POI DICONO CHE IL RAZZISMO E’ UN FATTO NATURALE!!!!
Io dico che dovremmo prendere esempio da questa dolcissima mamma … dei cuccioli che sta allattando, solo uno è il suo… indovinate un po’ quale? Gli altri sono tutti cuccioli di … felino!!
747a3b4a0b9afdb846d23d79cd2524ed.gif
Giu 30, 2008 - Pensieri e riflessioni    3 Comments

Io ti amo… ma…

 

 
68fc161f7511dec5e670efb1f4947cab.jpg

 
 
Non avrei mai immaginato, al tempo in cui la solitudine mi pareva quasi un privilegio,  che sarei tornata ad amare qualcuno come te.
Immaginavo che, se fossi uscita dal tunnel del calcolo delle probabilità, sarebbe stato solo per un uomo come volevo io, qualcuno che avrebbe saputo esprimere il suo amore per me e non si sarebbe nascosto dietro i “se” ed i “ma”… che avrebbe gettato, una volta per tutte, i “forse” alle ortiche.

E invece ho incontrato te… un uomo che non mi guarda mai negli occhi, nonostante io non smetta di piantare i miei nei suoi… un uomo che non sa dire “ti voglio bene” neanche sotto tortura… un uomo per il quale avere una compagna significa semplicemente non uscire da solo. Eppure, un uomo come te è stato capace di rimanermi accanto anche nei momenti più difficili, persino durante i miei momenti no, durante quei momenti in cui il mondo intero mi stava alla larga ed io da lui. Ma tu no. Non sei stato alla larga… hai sopportato con pazienza  i miei isterismi, hai saputo vedere l’amore che era in me nonostante io l’avessi sepolto sotto strati di amarezza. Sei stato in silenzio quando era il silenzio che doveva parlare ed hai parlato quando l’unica cosa da fare era parlarmi…  Ma sempre senza manifestare i sentimenti, quasi come un maestro zen si rivolge al suo giovane allievo… con tenacia, lungimiranza. E, come era facile immaginare, sei riuscito nel tuo intento. Hai fatto di me una donna presente ma senza esserlo, amante ma senza amarti – almeno non come si intende comunemente l’amore fra un uomo ed una donna – docile e sottomessa …
In una cosa però non sei ancora riuscito… e forse non riuscirai mai.
Non puoi fare di me una persona senza pensieri…
perchè, come dice il poeta,

“E’ chiaro
Che il pensiero dà fastidio
Anche se chi pensa
E’ muto come un pesce
Anzi un pesce
E come pesce è difficile da bloccare
Perchè lo protegge il mare…
Com’è profondo il mare” …
 
 
Giu 22, 2008 - Pensieri e riflessioni    3 Comments

Amore e Fiducia

 
L’amore è alla base del focolare…
se non c’è amore non può esserci focolare…
L’amore si conquista giorno dopo giorno,
con cura e rispetto… l’amore non si compra
nè con le parole nè con i denari,
con queste due cose puoi comprare l’apparenza
ma non la sostanza.
L’Amore e la Fiducia sono fratelli di latte
loro madre è la Speranza e Verità è la loro nutrice.
Se la Speranza si allontana
e la Verità non nutre
Amore e Fiducia muoiono di fame.
(qualcuno che la sa lunga sull’amore e sulla fame)

 

Mar 28, 2008 - Poesia e prosa    1 Comment

Forse l’amore

 

Forse l’amore,


quello che ci toglie il sonno,

è quel sentimento che si ostina

a rimanere nell’aria

quando l’amato è già andato via…

come fosse un profumo insistente,

che ci inebria e ci lascia 

l’illusione che chi non è più qui

torni fra breve.

 

Psyke

 

Buonanotte

Pagine:12»