Tagged with " riflessione"

Dignità al femminile

La nostra dignità di donne non sta nella libertà di esprimerci come gli uomini, bensì nel valorizzare le nostre differenze. Questo non significa che dobbiamo chinare la testa di fronte al potere maschile, ma semplicemente lottare per affermarci nei nostri valori peculiari che non sono, come facilmente l’ironia maschile suggerisce, “cucinare la parmigiana in modo eccelso” oppure educare i figli al meglio… questi sono compiti che fanno parte sia dell’universo maschile che di quello femminile… non cadiamo noi stesse nella banalità. L’uomo ha bisogno di noi, del nostro universo psichico, perchè siamo da sempre portatrici di pace, di dolcezza, di Amore, di fantasia, di armonia, di ordine, di comprensione, di pietas, di tutte quelle forme di sensibilità che nutrono la vita di un uomo, che permettono agli uomini di sopravvivere alla loro stessa brutalità, di non morire interiormente. Quindi lottiamo, ma senza utilizzare le armi maschili perchè – e purtroppo la cronaca sta dando ragione a questa tendenza – voler “scimmiottare” gli uomini porta solo ad una competizione esasperata che troppo spesso sfocia nella totale oggettivizzazione della persona femminile.

Gen 23, 2009 - Poesia e prosa    1 Comment

Lasciami la possibilità d’amare

 

http://dl8.glitter-graphics.net/pub/665/665768q292gcn41l.jpg

 

Chiudimi in una stanza e butta via la chiave!
Mi sentirai cantare ogni giorno con voce soave,
beandomi di un raggio di sole peregrino…
Toglimi pure il cibo,
l’acqua e l’aria… lasciami al freddo
al buio… toglimi anche la speranza!
Ogni giorno avrò per te un sorriso, una parola
ed una benedizione…
Ma ti prego… ti prego…
non togliermi la possibilità
di amare, non negarmelo…
Perchè non c’è solitudine peggiore di quella del cuore.

Sull’Amore (ancora e sempre…)

L’Amore 

L’amore ha molte sfaccettature e si presenta sotto molti aspetti… all’inizio ci viene incontro o come un cavaliere al galoppo, che ci travolge con la sua potenza, oppure pian pianino, senza che ce ne accorgiamo, come un’ombra, per poi crescere nel tempo…

Una volta superate tutte le prove, se siamo riusciti a sopravvivere nel frattempo all’altalena di emozioni che questo comporta, riusciamo a vedere qualcosa nella nebbia… non so se siete mai stati al lago con la nebbia, quella fitta, quella che non solo non vi permette di vedere ad un palmo dal naso ma crea tale suggestione da convincervi che si muovono strane figure dall’altra parte… ecco, l’Amore può arrivare anche a questo… questa è una delle prove… sconfiggere i fantasmi nella nebbia.Se riusciamo a superare le prove che la Maga ci propina, possiamo arrivare persino a vedere il volto angelico dell’Amore, quello che tutto crea, che tutto accetta… l’Amore oblativo… ma dobbiamo superarne molte di prove. E spesso il tempo durante il quale “lo zingaro” si ferma presso di noi non è sufficiente a permetterci di conoscere anche questo tipo di amore.In quel caso, comincia la trasformazione. Da cavaliere possente o da ombra persistente diventa prima una maga, nè buona nè cattiva, che ci incatena con i suoi sortilegi. Prima ci fa apparire scenari improbabili, paesaggi lunari e sfolgoranti, dove i colori si succedono con una sconcertante energia. In certi momenti la maga si assopisce ed ecco che appare il paesaggio “terreno”, quello che lascia intravedere luci ma anche ombre, gioie ma anche dolori. Per poi tornare a sfolgorare ed a travolgerci.Come diceva una vecchia canzone, “L’amore è uno zingaro e va…”… nulla di più vero.. qualche volta, però, l’amore si stanca di girovagare e decide di fermarsi per un po’… a nessuno è dato sapere per quanto. Ma si ferma.

Se riusciamo, quindi, ad attendere pazientemente che la nebbia scompaia… beh, ai nostri occhi si apriranno paesaggi di paradiso. Figure fantastiche, alate e angeliche, ci condurranno verso mete insperate. Ci coglierà la consapevolezza (attenzione, non la certezza che spesso è errata ma la consapevolezza) che ciò che ci avvolge è AMORE, ed è eterno. Non la sua manifestazione, non l’inevitabile vantaggio psicologico di essere e sentirsi amati, ma a la sensazione di vivere qualcosa al di là dello spazio e del tempo.

Io non credo che l’Amore sia la capacità di mantenere viva la passione – anche se la passione è un elemento importante – quanto piuttosto la consapevolezza (appunto) di aver superato molte prove insieme e di averle vinte. Sia che siamo amici o siamo coniugi o una coppia qualsiasi l’Amore non deve mai mancare perchè il nostro rapporto sia significativo. Diversamente credo sia solo un incontro di singoli e come tale destinato a non lasciare nulla se non – forse – la sensazione di aver vissuto qualcosa di gradevole.

 

Mar 28, 2008 - Poesia e prosa    1 Comment

Forse l’amore

 

Forse l’amore,


quello che ci toglie il sonno,

è quel sentimento che si ostina

a rimanere nell’aria

quando l’amato è già andato via…

come fosse un profumo insistente,

che ci inebria e ci lascia 

l’illusione che chi non è più qui

torni fra breve.

 

Psyke

 

Buonanotte