Tagged with " solidarietà"
Lug 9, 2009 - Sociale    1 Comment

Per Solidarietà

Nella mia casella di posta è arrivato questo messaggio….
prestate attenzione, per favore.

 

 


PER L’AMOR di DIO.
Aiutaci a diffondere questa foto al maggior numero possibile di persone.
Questa bimba è stata sequestrata in una spiaggia di S.Paolo Brasile (Praia de Engenho).
Invia la foto,il costo è zero e può aiutare molto.
Dio di sicuro ti ricompenserà.
Oggi stai aiutando qualcuno,domani tu potrai essere aiutato.
Pensa solo a questo!Non essere indifferente.
Che Dio benedica tutti quelli che ci aiutano.
 

Paqui GARCIA
964 517056

605 279195
Giu 8, 2009 - opinioni, sfoghi, Sociale    No Comments

Bah!…

PAPERINO DISPIACIUTO.JPG

Già… che dire? sono veramente scoraggiata… e non si può certo affermare che sia questione di brogli…. tutta l’Europa democratica (il voto per il parlamento europeo è forse quello più democratico che esista, dato che si basa al 100% sulla volontà popolare) ha votato decisamente a destra… dimenticando completamente che i valori dell’Uomo stanno tutti al centro – sinistra…. personalmente ho l’impressione che si voglia creare una specie di STATI UNITI D’EUROPA sulla scia degli USA e adottando le stesse politiche sociali ed economiche – che sono sempre state fortemente anti sinistra. Non ho nulla in contrario – da cittadina europea – che questo accada… ma per gioirne dovrei dimenticarmi di me, dei miei problemi di cittadina povera e di tutti i problemi dei poveri che vivono anche della solidarietà dello Stato. Non dimentichiamo che – lungi dall’essere una leggenda metropolitana – negli Stati Uniti si muore in corsia per mancanza di cure dovute a questioni amministrative-burocratiche. Qui se ti ammazzano è solo per incompetenza… e a questo punto mi sembra il male minore… oppure pensiamo a tutti coloro che sono stati ridotti al lastrico per le politiche assurde e competitive delle banche statunitensi che hanno sempre considerato il correntista come una mucca da mungere, senza mai dare garanzie in caso di perdite perchè le perdite semplicemente non venivano considerate. Tutta una economia basata sull’ipertrofia del capitalismo… c’è di che dolersi…
Bah, speriamo sempre in bene… io spero sempre nei miracoli perchè so che possono avvenire… lo so e ci credo. E so anche che noi italiani, per quanto affascinati da un certo tipo di scintillio e di benessere abbiamo un posticino in fondo al cuore (molto in fondo, ma c’è) tutto dedicato alla fratellanza. Siamo sempre stati un popolo di “buoni” e continueremo ad esserlo… ne sono certa e prego per questo tutti i giorni… e non solo per me, ma per tutte le persone (specialmente i bambini) che vivono in difficoltà questa epoca. Penso soprattutto al loro futuro…

Ago 21, 2008 - Sentimenti    1 Comment

Che dire…?

    

 

 

 Quando succedono cose come quella successa ieri a Madrid si rimane senza parole… almeno io sono rimasta senza parole. 

In un’epoca dove ciarlare e sembrare sono gli unici strumenti di comunicazione globale (ed anche questo blog non fa eccezione) forse dovremmo un po’ tutti tacere di fronte a questo. Ma siamo talmente abituati a dire la nostra (parlo per me, ovviamente) che non ce la facciamo a non dire quello che pensiamo, che sentiamo. Perchè queste sono cose diventate  all’ordine del giorno. Ho letto che hanno sospetti possa trattarsi di un sabotaggio… ma perchè non riusciamo ad accettare le cose a volte accadono anche senza motivo? O quantomeno il motivo può esserci ma non è detto che rientri nelle questioni internazionali. Può anche trattarsi di fatalità o di trascuratezza… ma il dolore dei parenti delle vittime, quello rientra nel solo fatto privato. Perchè se succede qualcosa per cause di straordinarietà (vedi l’attentato del 11 settembre 2001 o anche la strage di Madrid sempre del 11 settembre ma del 2004) il dolore sembra essere meno lancinante. Mentre se succede una cosa del genere non ci si riesce a darsi una ragione…  a noi osservatori (anche se faremmo volentieri a meno di osservare catastrofi simili) non rimane che la “pietas” per quelle persone che – forse – hanno perso tutto quello che avevano. Ma non possiamo fare nulla. Ed è proprio questo sentimento di impotenza che ci rende tutti così amari di fronte ai dolori della vita. Ma proprio perchè non possiamo farci nulla (nel caso però della linea area responsabile di tanto qualcosa poteva sicuramente essere fatta!) non dobbiamo neanche dannarci l’anima per cercare di capire. Le cose succedono. Continuamente. Pensate che la formica si chieda ogni volta perchè un umano non guarda dove mette i piedi?

 



 

Lug 11, 2008 - Pensieri e riflessioni    No Comments

Solidarieta’

 

Che importanza può avere? Ci sono miriadi di persone che soffrono nel mondo. Cosa conta quello che provo io?
E se invece di rivolgere continuamente l’attenzione sulla mia personale sofferenza cominciassi a guardarmi intorno e a voler provare a risolvere quella degli altri?
In fondo, nessuno di noi è veramente solo se rivolge le sue preghiere in Alto. Io mi ritengo una persona fortunata perchè ho la Fede che mi sostiene nelle mie battaglie quotidiane.. molte persone non hanno questo sostegno e brancolano nel buio alla ricerca di una certezza che non c’è o che non riescono a trovare.
Se mi fermo a pensare, sento che l’Amore di Dio è presente – sempre – nella mia vita, anche ora che mi trovo a fare i conti con questo stato di cose. La solitudine che si prepara, che annuncia un periodo forse difficile, forse complicato, forse inedito… ma sempre vitale. Perchè è importante soppesare ogni evento ritenendolo una benedizione del Cielo. Perchè solo l’assoluta mancanza di avvenimenti è una condanna infernale. Tutto il resto è la vita che avanza…