Tagged with " tristezza"
Giu 30, 2008 - Pensieri e riflessioni    3 Comments

Io ti amo… ma…

 

 
68fc161f7511dec5e670efb1f4947cab.jpg

 
 
Non avrei mai immaginato, al tempo in cui la solitudine mi pareva quasi un privilegio,  che sarei tornata ad amare qualcuno come te.
Immaginavo che, se fossi uscita dal tunnel del calcolo delle probabilità, sarebbe stato solo per un uomo come volevo io, qualcuno che avrebbe saputo esprimere il suo amore per me e non si sarebbe nascosto dietro i “se” ed i “ma”… che avrebbe gettato, una volta per tutte, i “forse” alle ortiche.

E invece ho incontrato te… un uomo che non mi guarda mai negli occhi, nonostante io non smetta di piantare i miei nei suoi… un uomo che non sa dire “ti voglio bene” neanche sotto tortura… un uomo per il quale avere una compagna significa semplicemente non uscire da solo. Eppure, un uomo come te è stato capace di rimanermi accanto anche nei momenti più difficili, persino durante i miei momenti no, durante quei momenti in cui il mondo intero mi stava alla larga ed io da lui. Ma tu no. Non sei stato alla larga… hai sopportato con pazienza  i miei isterismi, hai saputo vedere l’amore che era in me nonostante io l’avessi sepolto sotto strati di amarezza. Sei stato in silenzio quando era il silenzio che doveva parlare ed hai parlato quando l’unica cosa da fare era parlarmi…  Ma sempre senza manifestare i sentimenti, quasi come un maestro zen si rivolge al suo giovane allievo… con tenacia, lungimiranza. E, come era facile immaginare, sei riuscito nel tuo intento. Hai fatto di me una donna presente ma senza esserlo, amante ma senza amarti – almeno non come si intende comunemente l’amore fra un uomo ed una donna – docile e sottomessa …
In una cosa però non sei ancora riuscito… e forse non riuscirai mai.
Non puoi fare di me una persona senza pensieri…
perchè, come dice il poeta,

“E’ chiaro
Che il pensiero dà fastidio
Anche se chi pensa
E’ muto come un pesce
Anzi un pesce
E come pesce è difficile da bloccare
Perchè lo protegge il mare…
Com’è profondo il mare” …
 
 
Giu 5, 2007 - Poesia e prosa    1 Comment

Pioggia



 

d83e1bd01ac5241ba02a45508724e3a8.gif

Piove … mi guardo attorno,

e sembra piovere nella stanza, pure.

Piove nell’anima? Forse…

E questo immenso manto

color della nebbia

nasconde alle labbra parole silenti.

Vedo,

come allora,

distese brulle fumanti e tepide

di speranza rinnovata.

E sempre l’alba succede al tramonto,

e al tramonto il giorno

e il coraggio di Dio.

Piove,

e l’anima riluce

del sicuro arcobaleno

a venire.

(MCP)